Categorie
Archeologia Egizi miti e leggende

L’Occhio di Horus: colui che tutto vede, simbolo di protezione e regalità

Secondo la religione egizia, l’Occhio di Horus simboleggiava la prosperità, la buona salute, il potere regale.
Era considerato un simbolo onnipresente di protezione, era riferito agli dei e al loro dominio nel mondo dei mortali.

Categorie
Archeologia Egizi miti e leggende

Seth: il dio della tempesta, del disordine e del deserto

Horus rappresentava la terra fertile d’Egitto, il dio Seth la sabbia rossa del deserto.
Difensore di Ra contro il mostro Apopi (dio del chaos, rappresentato come un gigantesco serpente, a volte come una tartaruga o un altro animale acquatico) e acerrimo rivale di Horus a cui aveva assassinato il padre, Seth è una figura complessa che racchiude in sé la duplicità della concezione del mondo secondo gli Egizi e la dualità delle loro divinità.

Categorie
Archeologia Egizi miti e leggende

Horus, il dio falco: una delle più antiche divinità egizie

Horus era tra le divinità egizie, una delle più antiche ed emblematiche.
Le sue origini si collocano in un momento indefinito della preistoria africana e il suo culto avrà fortuna: resisterà fino alla dominazione romana.

Categorie
Archeologia Egizi miti e leggende

Il dio Ra e il suo viaggio nell’oltretomba per far sorgere il sole

Ra, dio Sole, considerato il creatore del mondo, era una delle principali divinità dell’Egitto. Nell’Amduat si narra il suo viaggio per far sorgere il sole.

Categorie
Archeologia Egizi miti e leggende

La Duat: un luogo misterioso in cui si pregano i defunti

La Duat, oltretomba degli Egizi, era un luogo dove si pregavano i defunti e dove le loro anime erano ospitate. Era un luogo misterioso e molto popolato.

Categorie
Archeologia Egizi miti e leggende

Osiride: dio della fertilità, sovrano e giudice supremo del mondo dei morti

Osiride, una delle principali divinità della mitologia egizia, principio generatore maschile nella natura, era identificato con il sole calante e considerato signore del regno dei morti.