Perché un blog!?

Tempus fugitEggià, perché un sito che tratta di servizi informatici ad aziende di pompe funebri e privati cittadini dovrebbe avere un Blog? Ecco qua: Nel 2012 quando nacque l’idea di Necrologi-Italia si pensava di dare un servizio innovativo per un settore che per diversi motivi era stato appena sfiorato dalla rivoluzione informatica del Web 2.0. Si iniziò a lavorare seguendo certe idee, ponendosi alcuni traguardi, che come è normale, in un progetto che si sviluppa dal nulla vennero modificati, raffinati, reindirizzati. Oggi, dopo più di due anni di duro e costatante lavoro, quel progetto è una realtà, un sistema consolidato che accoglie e serve utenti da tutta Italia. Quindi come dopo ogni lavoro mastodontico, ci si ferma, si fanno due passi indietro per vedere l’opera nella sua completezza. Ed è proprio in questo momento ci siamo resi conto che l’opera non era affatto completa, ma appena sbozzata. Non perché ci fossero errori nella programmazione, bensì perché quel progetto che sembrava concluso, aveva, nel suo sviluppo, varcato nuovi confini, proposto nuove vie da percorrere, alcune delle quali lontanissime da ciò che avevamo immaginato. Come è successo nei secoli scorsi, anche oggi il rapporto della nostra società, quindi anche nostro, con la morte, si sta modificando. Dove stiamo andando? Quali esigenze avremo nel prossimo futuro? Quale sarà la “next thing” che procurerà un ulteriore scatto in avanti? Ecco a cosa serve un Blog, a comprendere (si spera) in anticipo verso quale direzione tira il vento, in modo da orientare le vele. Per farlo abbiamo bisogno di condividere le nostre idee, ascoltare quelle di altri, comprendere quale pensiero o feeling muove le persone. Dire che la cosa non è solo nostra ma di chiunque voglia partecipare, sembra la più scontata delle frasi, ma in questo frangente è forse più vera che mai. Dato l’argomento trattato, tutti possiamo dire la nostra. E questo è il nostro invito, partecipate esprimendo i vostri pensieri, commentando i nostri articoli o postandone voi. Il tema è il più antico del mondo, ma sempre attuale. Teniamoci in contatto! Necrologi-Italia

3 thoughts on “Perché un blog!?

  1. Mi sono appena fatto un giro su questo portale: grafica pulita ed informazioni chiare e dirette pur trattando un argomento molto delicato. Interessante approccio il vostro.
    Il mio consiglio però, visto che è ancora molto “zonale” è quello di estendere il più velocemente possibile a tutta Italia questo servizio, per dare a tutti la possibilità di reperire queste informazioni. Altrimenti cambiategli nome, perchè chi entra pensa di trovare informazioni sui defunti di tutta italia.

    • Ciao Nessio, ti ringrazio dei complimenti ma soprattutto per le critiche che ci muovi. Non sei l’unico a fare questa osservazione.

      Siamo contattati ogni giorno dalle zone più disparate per avere info su parenti o amici deceduti in Italia, proprio perchè in rete queste informazioni non si trovano.

      Stiamo lavorando sodo, principalmente per informare, e per estendere al massimo, soprattutto territorialmente, le informazioni da reperire su questo portale.

      Va osservato però che nonostante i servizi principali che offriamo siano del tutto gratuiti, incontriamo parecchia difficoltà a far comprendere nell’immediato il valore aggiunto di questo servizio.
      E’ quindi un processo di informatizzazione lento questo, ma sono certo e fiducioso che tra qualche mese saremo già più degni di chiamarci Necrologi Italia.
      Ciao, grazie del tuo contributo.

    • Scusa nessio se ti rispondo dopo tanto tempo. Questo è solamente il blog del servizio. Il sito ufficiale è questo http://www.necrologi-italia.it/. Non ti nascondo che servirà del tempo prima che coloro che gestiscono i funerali abbiano caricato i nominativi. Ma funziona su base nazionale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>